#PietroPalauLibero

$TATO, MAFIA, MA$$ONERIA COME UNICO $ISTEMA (II PARTE)

venerdì 03rd, dicembre 2010 / 12:57 Written by
$TATO, MAFIA, MA$$ONERIA COME UNICO $ISTEMA (II PARTE)

Gli intrecci affaristici tra politica, imprenditoria, massoneria e poteri occulti rappresentano ormai un sistema collaudato. […] Emerge da esso la spartizione del denaro pubblico, il finanziamento ai partiti, il ruolo di lobby e poteri occulti deviati“.

(Dagli atti d’inchiesta del P.M. di Catanzaro Luigi De Magistris). 

[La prima parte di “$tato, mafia, Ma$$oneria come unico $istema” è pubblicata sul n. 2/07 ed è scaricabile dalla pagina web: www.lavocedirobinhood.it/Articolo.asp?id=109].

di Pietro Palau Giovannetti

(Presidente Onlus Movimento per la Giustizia Robin Hood)  

Postato: 1/12/2007

 


Io Leggo e Diffondo www.lavocedirobinhood.it/

Perché rivela i misteri nascosti dai mass media;

Perché denuncia i soprusi dei poteri forti;

Perché non esiste Vera Libertà senza Vera Giustizia;

Perché credo che “Stato e mafia” siano divenuti una “Cosa sola”.

 

 


Lo scorso mese di luglio, le maggiori agenzie di stampa hanno diffuso la notizia che il P.M. di Catanzaro, Luigi De Magistris, nell’ambito di un’indagine sull’assegnazione dei fondi comunitari, a carico di soggetti appartenenti a logge massoniche, aveva inviato un avviso di garanzia al Presidente del Consiglio, Romano Prodi, sospettato di appartenere alla loggia di San Marino, chiamando in causa alcune figure vicine ai massimi vertici istituzionali. Da allora, stiamo assistendo ad una violenta campagna di delegittimazione della parte sana della magistratura, ad opera di vasti settori della politica, delle istituzioni e del C.S.M. che mirano, senza mezzi termini, a paralizzare ogni indagine in corso sul rapporto tra affari, mafia, politica e massoneria.

Secondo l’ex Gran Maestro venerabile Giuliano Di Bernardo, in un’intervista rilasciata a Ferruccio Pinotti, collaboratore della CNN e dell’International Herald Tribune, pubblicata nel recente volume, “Fratelli d’Italia“, edito dalla Biblioteca Universale Rizzoli, uscito nelle librerie lo scorso novembre, vi è un’analogia tra l’attuale situazione politica italiana e quella ai tempi della prima indagine sulle logge massoniche dell’ex Procuratore Capo del Tribunale di Palmi, Agostino Cordova, nel 1992. Nell’analisi dell’ex maestro reggente che, anni orsono, lasciò il “Grande Oriente d’Italia“, denunciandone le deviazioni, per fondare la comunione dei cd. “Illuminati“, la situazione della massoneria in Calabria “è esattamente quella di allora, dai tempi di Cordova, per quanto riguarda la collusione mafia – massoneria“. Solo in Italia, continua Di Bernardo, dalla sua posizione di esperto conoscitore del problema: “la massoneria continua a nascondersi…“. “La realtà massonica è rimasta immutata”. “La differenza, oggi, potrà farla solo la magistratura, in termini di qualità delle indagini. Quello che è accaduto con l’inchiesta di Catanzaro è la riprova del fatto che i problemi sui quali avevo cercato di intervenire, senza riuscirvi, sono rimasti gli stessi di allora”… “Simili anche le condizioni ambientali.”

Non è casuale, secondo Giuliano Di Bernardo, il periodo in cui questa nuova inchiesta esplode. “Se noi andiamo con la memoria all’inchiesta Cordova, vediamo che inizia nel 1992, proprio quando la crisi politica era totale e si preparavano situazioni fino ad allora imprevedibili. Secondo alcuni analisi il trasferimento dell’inchiesta Cordova al “porto delle nebbie” romano concise con la “pax mafiosa”, seguita all’assassinio di Falcone e Borsellino del 1992″. “Il 5 febbraio di quell’anno, il Sisde inviava una nota al ministro dell’Interno: “non è da sottovalutare la possibilità che frange eversive stipulino con la criminalità organizzata accordi di collaborazione a fini operativi per la destabilizzazione del Paese”. Mentre al giudice istruttore di Bologna, Leonardo Grassi, arrivava il 4 marzo una segnalazione di “fatti intesi a destabilizzare l’ordine pubblico, al fine di instaurare “un nuovo ordine massonico deviato“(…)”.

Secondo Di Bernardo oggi ci ritroviamo alle prese con le stesse identiche situazioni politiche, lo stato di crisi è esattamente quello che caratterizzava l’epoca in cui Silvio Berlusconi scese in politica per “sopperire” ad una situazione che appariva drammatica, come quella che stiamo vivendo adesso. La politica era in crisi, la gente non aveva più fiducia della classe dirigente, “ecco che allora applaudì l’uomo forte, lo portò sugli scudi e lo fece eleggere”.

In tale ottica è indubbio sia in atto uno scontro tra un “nuovo ordine massonico” e uno “vecchio” (sui quali vige un assoluto divieto d’indagare, senza soluzione di continuità), nonché tra una “nuova mafia emergente” e una “vecchia” (i cui capi dei capi dopo oltre 40 anni sono stati consegnati alla giustizia per sedare la pubblica indignazione e ridisegnare gli equilibri del potere mafioso). Uno scontro del tutto sommerso e dagli oscuri contorni, dove chiunque prevalga, non c’è logicamente spazio per la legalità e la verità, a cui un Paese civile dovrebbe ambire, ovvero per quella “differenza” in termini di qualità di indagini poc’anzi citata.

Come noto, l’inchiesta di Cordova sulle logge massoniche, dopo il trasferimento del magistrato alla procura di Napoli (promuovere per rimuovere), venne infatti affossata dalla procura di Roma nel giugno 1994 e affidata ai P.M., Lina Cusano e Nello Rossi. Il procedimento restò pressoché fermo per quasi sei anni, eppoi nel dicembre 2000 il Giudice per l’indagine preliminare Augusta Iannini, moglie di Bruno Vespa, dispose la formale archiviazione dell’inchiesta, nonostante fossero stati raccolti ben 800 faldoni e innumerevoli fonti di prova sulle attività illecite delle più importanti logge italiane con ben 61 indagati, coinvolgenti influenti personaggi del mondo imprenditoriale, finanziario, politico e istituzionale, nonché della stessa magistratura, collusi con la ‘ndrangheta con cui avevano costituito delle vere e proprie società di affari, attraverso le quali si spartivano e, tuttora, continuano a spartirsi impunemente, i proventi leciti e illeciti derivanti dagli accordi perversi del sodalizio criminale (“Oltre la cupola. Massoneria, mafia, politica” di Francesco Forgione e Paolo Mondani, con prefazione di Stefano Rodotà, 1994, Rizzoli).

A distanza di oltre 16 anni dalla strage di Capaci la “pax mafiosa” rischiava, oggi, nuovamente di incrinarsi sotto i colpi delle nuove investigazioni delle procure di Catanzaro, Potenza e del G.I.P. di Milano, Clementina Forleo, ma con l’illegittima avocazione delle indagini del P.M. De Magistris, da parte del Procuratore Generale e le strumentali procedure di trasferimento avviate dal C.S.M., anche nei confronti del G.I.P. di Milano, Forleo, la storia si ripete, dando un segnale forte alla magistratura non asservita alle logiche delle logge e dei partiti di regime, che oltre un certo livello non si può indagare.

Chi lo fece, come Falcone e Borsellino, pagò con la vita.

Nel nuovo ordine sociale “massomafioso” il prezzo è il pubblico discredito, la delegittimazione, la procedura di trasferimento, le minacce velate, gli incidenti mortali… E’ ciò che puntualmente accade quando si toccano i poteri forti e l’intreccio tra affari, mafia, politica, massoneria.

All’interrogativo se Stato, mafia, massoneria siano divenuti una “cosa sola è pertanto legittimo rispondere che sono divenuti parte di un unico sistema, attraverso il quale si riproduce il controllo capillare del territorio e delle logiche di governo delle istituzioni democratiche, soffocando in radice la legalità e ogni anelito di giustizia.

Tale concezione paradigmatica costituisce una nuova prospettiva teorica per analizzare il fenomeno mafioso e il degrado delle istituzioni, fornendo una chiave per realizzare un mutamento epocale dei rapporti tra governati e governanti. E’ indubbio che a taluni potrà risultare ostico digerire che Stato, mafia e massoneria si siano coesi, tanto da fare parte di un unico sistema di malaffare criminale. In specie, per chi vive troppo lontano – o troppo vicino – all’agone politico e giudiziario, subendone il retaggio e rimanendo, in entrambi i casi, vittima di un distorto senso dello Stato e di una cultura dogmatica delle istituzioni che, nell’accezione più diffusa e non condivisibile, “vanno difese ad oltranza e a qualsiasi costo per non pregiudicare i cardini dello Stato di diritto e le basi sociali della pacifica convivenza”.

In verità, così facendo, si ottiene l’effetto opposto di distruggere nei cittadini il senso di appartenenza e di identificazione nello Stato. Si distrugge la credibilità delle istituzioni e della magistratura, alimentando la storica diffidenza dei cittadini verso il potere.

D’altronde, l’esistenza di una “cupola mafiosa” che controlla anche la vita giudiziaria, da sud a nord del Paese, in grado di neutralizzare il lavoro dei magistrati onesti, non è frutto di illazioni o di mere ipotesi sociologiche, bensì il risultato di appronfondite indagini a cui sono approdati, ancora prima del P.M. di Catanzaro, Luigi De Magistris, il Procuratore Antimafia di Reggio Calabria, Salvo Boemi e il suo sostituto Roberto Pennini e l’ex Procuratore di Palmi, Agostino Cordova.

I primi, denunciarono, ripetutamente, in alcune interviste a Panorama e L’Espresso, tra il 1995 e il 1998, di essere stati abbandonati e boicottati dal C.S.M. e dallo Stato, in quanto ritenuti “rei” di “non essersi accontentati di colpire il braccio militare della ‘ndrangheta” e di “avere denunciato i magistrati massoni che a Reggio Calabria avevano deciso di mettere una pietra sui processi anticosche”.

In proposito, il Dr. Boemi racconta a Panorama: “come dopo lo scandalo della P2, nella massoneria fossero incominciati ad entrare i parenti stretti dei magistrati (i quali volevano evitare in tal modo un coinvolgimento diretto) e come le logge avessero sempre contrattato a Roma chi dovessero essere i capi degli uffici giudiziari”, aggiungendo, infine, di essere scampato a un attentato alla sua vita, solo grazie alle rivelazioni di un pentito (Panorama 21.9.95 e L’Espresso 16.7.98).

L’intensa e proficua attività investigativa del Dr. Agostino Cordova, soffocata con il suo strumentale allontanamento dalla Procura di Palmi è invece ben documentata in “Oltre la cupola. Massoneria, mafia, politica” di Francesco Forgione e Paolo Mondani, con la prefazione di Stefano Rodotà e una postfazione di Agostino Cordova, edito da Rizzoli (1994). Il lavoro degli Autori non si limita a ricostruire l’opera del magistrato, ma ci introduce nella più larga dimensione dell’agire complessivo delle istituzioni e del modo in cui esse si intrecciano con la società. Il libro è il racconto delle vicende d’una regione, la Calabria, e del modo in cui venne perduta dallo Stato. Di come lì lo Stato, affermano gli Autori, “abbia cambiato natura, si sia ritirato, lasciando emergere un modo d’organizzazione dell’insieme dei poteri pubblici che perdeva progressivamente i caratteri della legalità e ad essa sostituiva una normalità modellata, invece, sull’accettazione di comportamenti illegali divenuti la norma fondante della società”.

L’opera ben descrive la sparizione dei confini tra Stato e Antistato, tra diritto e crimine e mette in luce come lo Stato perda i caratteri che dovrebbero caratterizzarlo e, quasi per una forma mimetica ormai obbligata, affermano gli Autori, assuma quelli dei suoi antagonisti, di quelli che dovrebbe avversare”.

Si perde insomma la possibilità di individuare l’Antistato perché è lo Stato ad essersi dissolto.

Nella postfazione, lo stesso Cordova si sofferma a sottolineare come le indagini sulla massoneria deviata, avviate dalla Procura di Palmi, siano state costellate da una serie di anomali contrattempi, mai avvenuti in altri procedimenti: dal divieto di utilizzare uffici provvisori a Roma (si tenga presente che i locali erano già stati reperiti sia dalla Polizia che dai Carabinieri) dove si trovava la sterminata mole di atti sequestrati, fatto che cagionò oltre tre mesi di ritardo durante la fase iniziale delle investigazioni, precludendo l’immediato sviluppo del materiale acquisito; alla soppressione della Procura Circondariale di Palmi, determinando l’utilizzo di soli tre dei sei magistrati applicati dal Csm, e tante altre difficoltà operative.

Eppure i risultati conseguiti, pur tra tante difficoltà, ci ricorda il Dr. Cordova, avevano consentito di riferire alla Commissione parlamentare antimafia che “la massoneria deviata è il tessuto connettivo della gestione del potere, e ciò sia per la natura che per il numero delle attività illecite e degli interessi accertati, sia per la qualità e il numero dei personaggi coinvolti, tutti occupanti appunto posti di potere, e costituenti un enorme partito trasversale ramificato non solo in tutto il territorio nazionale, ma collegato con corrispondenti o analoghe organizzazioni in tutto il mondo“.

In conclusione, chiosa, il dr. Cordova, “come ho ripetutamente affermato in ogni occasione, ritengo che la società italiana sia nelle mani di inesplorati gruppi occulti di potere e di altre consociazioni e congregazioni e che solo di tanto in tanto, e unicamente in occasione di vicende eclatanti, se ne renda conto. Per dimenticarsene immediatamente dopo, spesso perché l’attenzione è subito distolta o sviata da altre vicende: come abitualmente avviene nel nostro Paese, in cui la memoria è corta e non si va oltre l’episodio contingente“.

E’ indubbio, quindi, siamo di fronte a verità storiche ed oggettive che ci offrono il nucleo di quello che può definirsi un vero e proprio paradigma, da cui ripartire per analizzare i mali della società e individuare i rimedi più acconci; paradigma che non potrà tardare a venire recepito dalla comunità scientifica, prigioniera della decadente cultura politica masso-mafiosa, la cui sudditanza alle logiche dei poteri dominanti, appare, abbondantemente, suffragata dalla generale situazione di irreversibile degrado sociale ed economico, in cui versa il Paese, da oltre 40 anni, dove la società civile è, suo malgrado, costretta a convivere, fianco a fianco, della mafia e della corruzione politico-istituzionale.

Il Paese ha, quindi, urgente bisogno di una magistratura indipendente e senza padrini politici, libera di indagare in ogni direzione, onde garantire le sue alte funzioni istituzionali di controllo della legalità, conferitegli dalla Costituzione, e il principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge. Il mahatma Gandhi affermava che “il livello di civiltà di un paese si misura dalla considerazione in cui viene tenuta la giustizia”. Il problema è, quindi, quello di seguire le orme di Falcone e Borsellino e di non lasciare soli quei magistrati come la Forleo e De Magistris che si adoperano per fare il loro dovere fino in fondo, senza guardare in faccia nessuno, assicurando al Paese una giustizia efficiente e uguale per tutti.

Pietro Palau Giovannetti (sociologo)

N.B.:

La terza parte: RAOUL GARDINI E GABRIELE CAGLIARI DUE FALSI SUICIDI RIMASTI IMPUNITI. «STATO E MASSOMAFIE COME UNICO SISTEMA» è scaricabile alla pagina   www.lavocedirobinhood.it/Articolo.asp?id=185

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To top ↑