#PietroPalauLibero

APPELLO PER LA LIBERAZIONE DI RAHMATULLAH HANEFI

giovedì 03rd, gennaio 2008 / 11:29 Written by

APPELLO PER LA LIBERAZIONE DI RAHMATULLAH HANEFI

La Costituzione afgana stabilisce che l’arrestato ha diritto a un difensore, ad essere informato dell’accusa mossagli e ad essere portato davanti al giudice nei limiti stabiliti dalla legge.

Il codice di procedura penale stabilisce che l’arrestato deve essere interrogato in termini assai brevi, e liberato se non è formalmente accusato davanti al giudice entro, al massimo, trenta giorni.

Il procuratore generale dello Stato afgano, Abdul Jabar Sabet, ha dichiarato al Corriere della Sera che " Nessuno può essere arrestato senza accusa. E il fermo di polizia termina al massimo dopo 72 ore.

Chiunque ha diritto ad un avvocato, subito dopo l’arresto. In presenza di un avvocato il fermo può essere prolungato di 15 giorni e raddoppiato sino a 30 per concedere il tempo di conclusione delle indagini. Ma, se per allora non è stata notificata un’accusa precisa alla Procura, il prigioniero va comunque rilasciato ", aggiungendo però che, per via della guerra, per combattere terroristi e talebani" in parallelo alle procedure normali esistono delle leggi segrete per combattere chi attenta alla sicurezza dello Stato "; leggi che aggiunge di non conoscere nemmeno lui.

"Non so come, in quali circostanze e quando vengano applicate. Posso dire che Hanefi non rappresenta un caso isolato".

Il prolungarsi della detenzione di Rahmatullah Hanefi, in spregio ai diritti universali e alla più elementare dignità umana, avviene in palese  violazione della Costituzione afgana. Questa esiziale ferita inferta alle norme giuridiche pretende legittimità sulla base di fantomatiche leggi segrete ignote persino alla più alta autorità dell’organo del Pubblico Ministero afgano. Come nei più tetri sistemi totalitari si stanno perpetrando clamorose violazioni dei principi di legge.

La decisione di arrestare il funzionario di Emergency nelle ultime settimane è stata concertata con un’aggressione all’organizzazione umanitaria costretta a prendere la dolorosa decisone di abbandonare l’Afganistan non potendo più garantire la sicurezza del proprio personale e quindi la salute e la vita dei pazienti.

L’attuale sistema giuridico afgano è stato costruito con la collaborazione e l’importante sostegno finanziario per cinquanta milioni di dollari dell’Italia.

E’ questa la democrazia che contribuiamo ad esportare?

E’ per questo che siamo da sei anni in Afganistan?

E’ per consentire la perversione della giustizia che spendiamo i soldi dei nostri cittadini ?

Chiediamo con forza l’immediata liberazione di Rahmatullah Hanefi, affermiamo che in queste condizioni l’idea stessa dell’istruzione di un processo sarebbe una tragica truffa.

Chiediamo che l’Afganistan ristabilisca immediatamente il rispetto delle sue stesse leggi.

Chiediamo che l’Italia, per non tradire lo sforzo compiuto per la creazione di quelle leggi, chieda con forza l’immediata liberazione di Hanefi, sequestrato per avere svolto la funzione di mediatore nell’interesse del governo italiano.

                                          Moni Ovadia su www.chartaartbooks.it
 

La voce di Robin Hood fa suo l’appello stilato da Moni Ovadia per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e invita il mondo dell’arte a fare lo stesso.

le adesioni vanno inviate a simonetta@emergency.it
 

Chiediamo che Emergency possa riprendere subito la sua attività portatrice di vita e di giustizia, come ambasciatrice del meglio della cultura e dello spirito del nostro paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To top ↑