NORIMBERGA DAY IN MONTECITORIO! PROCESSO PUBBLICO ALLA CLASSE POLITCA ITALIANA

domenica 10th, febbraio 2013 / 16:41 Written by
NORIMBERGA DAY IN MONTECITORIO! PROCESSO PUBBLICO ALLA CLASSE POLITCA ITALIANA

Condividi hashtag tutti a Montecitorio per mandare a casa la casta!
Il 22 febbraio vorrei essere libero di andare a Roma per circondare Montecitorio pacificamente e mandare a casa una volta per sempre tutta la massa di ladroni che hanno occupato lo Stato. Tra poche ore potrebbe invece venire eseguito dal P.G. di Brescia l’ordine di carcerazione nei miei confronti nel precipuo scopo di mettere definitivamente a tacere una voce libera della Società civile, senza che io abbia mai effettivamente commesso alcun …reato ideologico nè a mezzo stampa o internet nè tantomeno mediante le mie scomode denunce su fatti di corruzione politica e giudiziaria da me sporte, senza guardare in faccia nessuno, sin dai tempi di "mani pulite". Denunce occorre qui sottolineare rimaste inesaminate per oltre 25 anni, ma poste assurdamente e illegalmente a base delle ripetute persecutorie condanne inflittemi da veri e propri plotoni di esecuzione per pretesi reati di "diffamazione, calunnia e oltraggio a magistrati", ammontanti ad oltre 6 anni di reclusione. La piaga della corruzione giudiziaria non ha infatti colori politici.
Ci sono magistrati a libri paga di Berlusconi, D’Alema, del Vaticano e di altre massomafie: "pecunia non olet". MPS docet, avendo finanziato le prime speculazioni immobiliari del Cavaliere e delle mafie da me inascoltatamente denunciate sin dagli anni ’80 http://it.finance.yahoo.com/notizie/mps-berlusconi-voglio-bene-banca-162900427.html
Mi vogliono incarcerare perché "nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario" (G. Orwell, "1984").
Il regime piduista soffoca scientificamente la libera circolazione delle idee perchè rappresenta il fondamento della conoscenza e dell’emancipazione che fanno paura al potere. Come affermava Immanuel Kant la libertà di pensiero è infatti la "capacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro", ovvero del controllo dello Stato, contrapponendosi a questa visione un’idea di società in cui l’espressione e la coscienza dell’individuo sono sottoposte alla "amorevole tutela" dei governanti, siano essi manifestamente violenti (es: dittature militari) oppure velatamente autoritari, discrezionali e paternalistici (Doppio Stato nazista e neo dittature partitocratiche moderne mascherate da democrazie liberali).
L’unica salvezza dei governati è quindi riconoscere quale unica autorità la ragione e la verità, difendendo la libertà di pensiero dell’altro perché è la condizione sine qua non per difendere la propria. Non esiste si parli solo di Sallusti o di Corona.
Vi prego di divulgare sui Vs. siti e pagine web il mio video-appello pubblicato su http://www.lavocedirobinhood.it/Articolo.asp?id=238&titolo=IN CARCERE PER AVER DIFESO LA GIUSTIZIA, affinché possa risorgere in questo Paese divorato dalle lobby lo spirito della Giustizia e della libertà d’informazione. Vorrei che la mia incessante lotta e il mio sacrificio possano servire a smuovere le coscienze della rete intorpidite come quelle delle TV e della carta stampata dove i naviganti vengono mortalmente attratti come le falene dai bagliori della società della spettacolo che scambiano la luce naturale della luna con quella artificiale delle lampade che le uccide…
Condividi anche tu l’hashtag su twitter: #palaugiovannettilibero Ordine carcerazione per mettere a tacere Robin Hood voce libera Società civile http://www.lavocedirobinhood.it/Articolo.asp?id=238&titolo=IN+CARCERE+PER+AVER+DIFESO+LA+GIUSPlotoni di esecuzione: Ordine di carcerazione per Robin Hood

Tra poche ore potrà venire eseguito dal P.G. di Brescia l’ordine di carcerazione nei miei confronti nel precipuo scopo di mettere definitivamente a tacere una voce libera della Società civile, senza che io abbia mai effettivamente commesso alcun reato ideologico nè a mezzo stampa o internet nè tantomeno mediante le mie scomode denunce su fatti di corruzione politica e giudiziaria da me sporte, senza guardare in faccia nessuno, sin dai tempi di "mani pulite".
Denunce occorre qui sottolineare rimaste inesaminate per oltre 25 anni, ma poste assurdamente e illegalmente a base delle ripetute persecutorie condanne inflittemi da veri e propri plotoni di esecuzione per pretesi reati di "diffamazione, calunnia e oltraggio a magistrati", ammontanti ad oltre 6 anni di reclusione.
La piaga della corruzione giudiziaria non ha infatti colori politici.
Ci sono magistrati a libri paga di Berlusconi, D’Alema, del Vaticano e di altre massomafie: "pecunia non olet".
MPS docet, avendo finanziato le prime speculazioni immobiliari del Cavaliere e delle mafie da me inascoltatamente denunciate sin dagli anni ’80 http://it.finance.yahoo.com/notizie/mps-berlusconi-voglio-bene-banca-162900427.html
Mi vogliono incarcerare perché "nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario" (G. Orwell, "1984").
Il regime piduista soffoca scientificamente la libera circolazione delle idee perchè rappresenta il fondamento della conoscenza e dell’emancipazione che fanno paura al potere. Come affermava Immanuel Kant la libertà di pensiero è infatti la "capacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro", ovvero del controllo dello Stato, contrapponendosi a questa visione un’idea di società in cui l’espressione e la coscienza dell’individuo sono sottoposte alla "amorevole tutela" dei governanti, siano essi manifestamente violenti (es: dittature militari) oppure velatamente autoritari, discrezionali e paternalistici (Doppio Stato nazista e neo dittature partitocratiche moderne mascherate da democrazie liberali).
L’unica salvezza dei governati è quindi riconoscere quale unica autorità la ragione e la verità, difendendo la libertà di pensiero dell’altro perché è la condizione sine qua non per difendere la propria. Non esiste si parli solo di Sallusti o di Corona.
Vi prego di divulgare sui Vs. siti e pagine web il mio video-appello pubblicato su http://www.lavocedirobinhood.it/Articolo.asp?id=238&titolo=IN CARCERE PER AVER DIFESO LA GIUSTIZIA, affinché possa risorgere in questo Paese divorato dalle lobby lo spirito della Giustizia e della libertà d’informazione. Vorrei che la mia incessante lotta e il mio sacrificio possano servire a smuovere le coscienze della rete intorpidite come quelle delle TV e della carta stampata dove i naviganti vengono mortalmente attratti come le falene dai bagliori della società della spettacolo che scambiano la luce naturale della luna con quella artificiale delle lampade che le uccide…
Condividi anche tu l’hashtag su twitter: #palaugiovannettilibero Ordine carcerazione per mettere a tacere Robin Hood voce libera Società civile http://www.lavocedirobinhood.it/Articolo.asp?id=238&titolo=IN+CARCERE+PER+AVER+DIFESO+LA+GIUSTIZIA …

 

To top ↑